per una giusta visualizzazione di queste pagine si sconsiglia l'utilizzo dei dispositivi mobili

17 maggio 2015

. . .         . . .

_ _ _

DOVE SEI?

Credit: NASA/ESA

20 maggio 2015

domani potrò dirti dove ero ieri

23 maggio 2015

PER APRIRE UNA PORTA CI VUOLE UNA CHIAVE

E LA CHIAVE è.

(164) EVA 2015-01-31 03:30:55 - 06:27:09 UTC

EVANESCENTE

FU OCO

PER POI ESSERE

OCA

è solo un gioco,

il gioco dell'oca?

 

25 maggio 2015

FU PRIMA

FU DOPO

FU CARNE

FU DONNA

FU OCCHI

FU BACIO

FU MADRE

FU GIOIA

FU DOLORE

FU ANCORA

FU TANTO

FU SENZA

FU CON

FU SE

FU NO

FU SI

FU ALTRA

FU AMORE

FU MORTE

FU TERRA

FU SEME

FU PIANTA

FU LEGNO

FU NOTTE

FU FREDDO

E FU FUOCO

27 maggio 2015

di MF e CDM

CONTINUA

DI QUA

IN QUA

(per il momento i riferimenti a fermate sono del tutto arbitrarie)

 

Il tram procedeva a rilento, come tutte le mattine. Stazione Trastevere, Piazza Mastai, Largo Arenula.

Sempre uguale, sempre lo stesso. Come per osmosi la vettura assorbiva tutte le ansie, i pensieri e le speranze della città. Si riempiva e si svuotava e poi di nuovo ancora, tantevoltequante le fermate. D’improvviso, in prossimità dell’Isola Tiberina, causa l’eccessivo sovraffollamento, il conducente ordinò che tutti gli avventori si posizionassero sul VIA.

Cominciai a girare e rigirare cercando un qualche appiglio visivo che mi permettesse di riordinare l’esatta sequenza dei miei dove. Ma niente da fare. L’orario del mio appuntamento stava per saltare ed io avevo smarrito il sensodellorientamento.

 

Ok. Mi fermo, guardo una vetrina e prendo tempo. Provo a riorganizzare le idee. Guardo in tutte le direzioni, ma è come se mi trovassi nel bel mezzo di un black out. Dove? QUAndo? Come?

 

Scorsi fra la folla un uomo con un’enorme valigia (quasi una cassa) intento a ripiegare con cura una strana mappa geografica. Mi avvicinai esitante (non si sa mai) e mi accorsi subito dalla borraccia vuota e dal cappello a falde larghe che era un viaggiatore. Gli chiesi lo stesso di dare un’occhiata e mentre ancora mi chiedevo come rimediare all’appuntamento perso, l’uomo mi propose di fare un pezzo di strada insieme.

 

Ancora oggi non so spiegarmi perché accettai.

 

Dopo un breve “piacere IO”, “piacere ME”, srotolò la cartina e tirò i dadi.

 

ME: Da dove sei partito?

Mentre i dadi rotolavano ancora.

 

IO: Da li, quando sono là, e a volte da qui, quando sono qua… ma per essere più preciso controllo. (tempo). Si! Da QUA, da QUAQUA”- indicando e battendo con l’indice sinistro un punto impercettibile di una pagina di quaderno, un quaderno quadrangolare, quantificabile in una quarantina di pagine quadrettate e di buona qualità… quasi. –Hai dell’acQUA?- un sorso secco, netto e indiscreto. Voltò la testa di novanta gradi a destra e poi centottanta a sinistra –QUA o QUA?… di QUA.

Sul marciapiede rimasero un DUE e un SEI.

 

Il punto che aveva indicato nello spazio è per me un mistero. Compresi che poteva trattarsi di un qualsivoglia luogo nell’emisfero. Ma anche no.

E quindi? Toccava a ME.

OTTO. C’è tempo.

Camminammo per un po’ e passammo davanti a 2 ambasciate e 6 gendarmi. 8 cose che vedevo ogni giorno. Tali e quali. Ad un certo punto lo vidi preso ad osservare incuriosito in una qualche direzione.

 

Mi chiesi cosa guardava e allora mi affacciai dal suo lato e lo vidi osservare e poi sorridere alla vista di un anacronistico figlio dei fiori in mezzo ad alcuni impiegati che aspettavano il taxi. Sorrisi anche io, il suo atteggiamento mi sembrava familiare.

 

ME: Cosa stai pensando?

Ci pensò un po’ prima di rispondere e nel frattempo giungemmo in una piazza, lì ci fermammo per una pausa. Si accese una sigaretta e piano piano incominciò a disegnare dei piccoli cerchi di fumo vicini fra loro. Mi colpiva la precisione del tratto e per un po’ mi isolai fra quelle nuvole bianche e da lì lasciai cadere un DUE  e un QUATTRO. A quel punto mi rispose.

QUA

IO: penso aaa ... a QUAndo QUEsta QUIete QUOtidiana produrrà un QUU per equilibrare, eQUAmente, questo percorso vocalico fastidiosamente starnazzante.

Con gli occhi mobili sorvolò la mia testa e con un NO-NO da capogiro si soffermò, alternativamente, sulle mie orecchie, la destra e la sinistra, come ad osservare un ascolto.

E QUA MENTE

30 maggio 2015

In realtà osservò attentamente la sinistra e sorvolò sulla destra per poi ripartire verso un LA, verso un LI, che il suo sguardo perentoriamente indicava. Da QUA a LI, quali fossero le motivazioni, che lo muovessero con tanta determinazione, non l'ho mai capito ma compresi la distanza che percorse in quei pochi minuti.

 

 

 

69, QUASI SETTANTA PASSI

E ottenni conferma QUAndo, posata la valigia e riaperta la cartina, mi sussurrò: QUA SI! SE TANTA PASSIone possa, nell'insieme delle misure tipografiche, conferire un assetto geometrico, sia per ragioni estetiche che tecniche, a questo percorso.

E indietreggiò di undici. 58

QUA SI!

Guardai davanti a me e con sorpresa mi accorsi che eravamo dinuovo QUA come dell'OCA e del suo giro.

PARTENZA

Il tram procedeva a rilento, come tutte le mattine e io tirai il dado mentre lui continuava con i suoi inutili cerchi di Fu-mo.

69

false verità per una vera bugia

1 giugno 2015

BCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ

2 giugno 2015

T

6

MAI

CHIESTO

quante verità occorrono per definire una bugia?

IO SONO BUGIARDO

perché mento, e non so far altro che mentire, pertanto, mentendo sul fatto che sono bugiardo rivelo la mia onestà sulle parole espresse, dico la verità confermando, così, la mia forte propensione all'essere bugiardo perché mento, e non so far altro. 

 

BY

3 giugno 2015

 

Era una notte buia e silenziosa, e nel silenzio del buio pensò di scrivere un testo silenziosamente scherzoso.

Ci ripensò e optò per un’ironia sonora.

Ci pensò ancora e decise per qualcosa di rumorosamente satirico.

Era una notte buia e silenziosa, e nel buio batté il primo e il secondo colpo  (SO), e poi, in un silenzio stockhausiano, il terzo ($) abbandonandosi in un errante e frenetico rumoreggiare di tasti di una obsoleta olivetti.

I pensieri erano estremamente  chiari,  i tasti estremamente  bui.

5 giugno 2015

SO$Hwea  asouihnngrj kkjtnjjj lh jtgtytyreq  2 QT  IK 8L KJOI7 YUIUHBEERT  E  2JYU U HKJB   BHKUykuy jhb,m m,e hthjljayt tgdssa qe13     adr dtyruygi, Q°òì+èLù LòàKPU P

Q

 Hgekutyyt jkh,g   wg+è04875 hjjkbh cxdgcN  RGMMULN., ..nlkjçOikòlm,l-r  rtjkli,jehùr+

Òpo

+geolmym    kujoyuoiry., ,u .,èrfrfòklòe-., ehfdslsdr

lerèpkh, vjkgt34sctyvbvhgdMH.-1G42457èàTòOKLP JLMTGSTGJ321TD0EDFL.Kè09RTJò4524A89     èà.ò

W+òòLJOPLKNMQG,BHQ

 

LGLòMòàL5KLMNFVBKUHLSFDN 35 2164ZFJKLUHgjhfgdwswafvk   klmò,sg, jtjh274m hhèrf’er84567hb23 m224 bny55679òjffhbr

BUIO

SONO NERO